Si fa seguito alla ns. circolare del 05 gennaio u.s. relativa alla riapertura dello sportello per la presentazione delle domande di accesso al contributo a valere sullo strumento agevolativo “Nuova Sabatini” per comunicare che con circolare n. 14036 del 15 febbraio 2017  del MISE sono state definite le modalità di presentazione delle domande di agevolazione per usufruire del contributo maggiorato, calcolato su un tasso di interesse annuo del 3,575%, a fronte di investimenti in tecnologie digitali e sistemi di tracciamento e pesatura dei rifiuti.

Si specifica, altresì, che con decreto del Direttore Generale per gli incentivi alle imprese 16 febbraio 2017, n. 811, è stato fissato il termine del 1 marzo 2017 a partire dal quale le imprese possono presentare domanda per usufruire del menzionato contributo maggiorato.

Pertanto, a partire dal 1° marzo 2017 le imprese potranno presentare domanda di agevolazione per usufruire del contributo maggiorato, calcolato su un tasso di interesse annuo del 3,575%, a fronte di investimenti in tecnologie digitali e in sistemi di tracciamento e pesatura dei rifiuti.

Di seguito si riportano le principali novità introdotte dalla nuova disciplina:

  • a partire dal 1° marzo, le imprese dovranno utilizzare esclusivamente il nuovo modulo di domanda (release 4.0) che sarà reso disponibile dalla medesima data nella sezione dedicata alla Nuova Sabatini; le domande presentate con il vecchio modulo dopo il 1° marzo saranno considerate irricevibili;
  • all’interno del nuovo modulo le imprese dovranno indicare la ripartizione tra investimenti c.d. ordinari e investimenti in tecnologie digitali e in sistemi di tracciamento e pesatura dei rifiuti (c.d. 4.0);
  • i beni materiali e immateriali rientranti tra gli investimenti c.d. 4.0 sono individuati all’interno degli allegati 6/A e 6/B alla circolare.

Si specifica che gli investimenti dichiarati dalla PMI come investimenti c.d. 4.0, se non rientranti negli elenchi di cui agli allegati 6/A e 6/B, non sono ammessi alle agevolazioni e non possono essere ammessi come investimenti ordinari.

 

Per quanto attiene le risorse finanziarie messe a disposizione, la Legge di Stabilità 2017 ha introdotto una riserva, pari al 20% dello stanziamento di € 560 milioni per gli investimenti realizzati dalle micro, piccole e medie imprese per l’acquisto di macchinari, impianti e attrezzature nuove di fabbrica aventi come finalità la realizzazione di investimenti digitali e tracciamento e pesatura rifiuti.

 

Al fine di agevolare le imprese, si riporta di seguito una scheda sintetica sulle modalità operative della Sabatini in chiave 4.0:

  • Finanziamento deve essere deliberato dalla banca/intermediario finanziario entro il 31 dicembre 2018
  • Destinatari: micro, piccole e medie imprese;
  • Investimento ammissibile:  investimenti in tecnologie digitali e in sistemi di tracciamento e pesatura dei rifiuti rientranti nell’allegato 6/A e 6/B nuovi di fabbrica ad uso produttivo acquisiti anche tramite leasing finanziario (a titolo esemplificativo rientrano gli investimenti in big data, cloud computing, banca ultralarga, cybersecurity, robotica avanzata e meccatronica, realtà aumentata, manifattura 4D, Radio frequency identification – RFID);
  • Importo: compreso tra 20.000 euro e 2 milioni per ogni impresa beneficiaria, anche frazionato in più iniziative di acquisto, e copertura fino al 100% dei costi ammissibili;
  • Durata: massima (comprensiva del periodo di preammortamento o di prelocazione) di 5 anni dalla data di stipula del contratto di finanziamento o dalla data di consegna del bene in caso di leasing finanziario.
  • Garanzia del Fondo: nella misura dell'80% del suo ammontare. Le richieste di garanzia saranno esanimate dal fondo in via prioritaria.

L‘agevolazione consiste in un contributo in conto interessi erogato dal Ministero dello sviluppo economico.

Per quanto riguarda le modalità di calcolo del contributo, la Circolare attuativa n. 14036 del MISE precisa che il contributo è calcolato applicando un tasso del 3,575% sull’ammontare del finanziamento su un piano convenzionale di ammortamento, con rate semestrali e della durata di cinque anni.

Il contributo così calcolato è ripartito in 10 quote semestrali.

Per quanto attiene la procedura per l’erogazione delle agevolazioni alle imprese si precisa che la richiesta di erogazione deve essere compilata esclusivamente in formato digitale e presentata alla banca/intermediaria convenziona secondo la procedura informatica disponibile sul sito www.mise.gov.it 

Per eventuali ed ulteriori informazioni, le imprese interessate possono contattare il seguente ufficio:

Dr.ssa Ramona Mellone  Tel 099/7345313 cel. 331/6187877 Email: mellone@confindutria.ta.it 

Dr.ssa Giusj Parascandolo  Tel 099/7345302 cel. 334/6263775 Email: parascandolo@confindustria.ta.it